Le Gole del Lacerno | PNALM | Lazio a piedi

Gole del Lacerno

Le Gole del Lacerno da Campoli Appennino: un itinerario rinfrescante immersi tra strette gole e una meravigliosa cascata. Agostino Anfossi lo descrive nella guida Lazio a piedi.

Il Vallone del Lacerno si trova sul versante laziale dei Monti Marsicani, nella Zona di Protezione Esterna del Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise e comprende delle splendide gole scavate dal Torrente Lacerno nelle rocce calcaree del Giurassico.

È possibile raggiungerle con un’escursione di modesto impegno fisico ma che richiede esperienza nell’affrontare i diversi guadi necessari e soprattutto nel percorrere il tratto finale, chiamato non a caso il “Cuccetto dell’Inferno”: un canyon con pareti alte e strette in cui la luce fa fatica a filtrare, che nasconde una splendida cascata di circa 20 metri.

Nella sua parte più alta il sentiero presenta eccezionali colpi d’occhio su tutta l’estensione meridionale del vallone, chiuso idealmente da Campoli Appennino a sud ovest. Non s’incontrano particolari difficoltà nel procedere ma occorre prestare attenzione ad alcuni passaggi un po’ esposti su pietraie dovute a frane. L’escursione è sconsigliata a chi soffre di vertigini; suggeriamo di indossare un casco protettivo.

Gole del Lacerno

Scheda tecnica itinerario per le Gole del Lacerno

Quote da 689 a 890 m
Dislivello 300 m
Tempo 2.30 ore
Difficoltà E, EE nel Cuccetto dell’Inferno
Segnaletica nessuna
Periodo consigliato da fine giugno a fine agosto
Cartografia Parco d’Abruzzo, Iter Edizioni
Con i bambini adatto ai ragazzi dagli 11 anni in su solo se ben allenati solo fino all’ingresso del Cuccetto dell’Inferno

La guida

L’itinerario completo di descrizione dettagliata, mappa, traccia gpx e foto la trovi nella guida Lazio a piedi di G. Albrizio, A. Anfossi, F. Ardito, F. Belisario, R. Hallgass.

lazio a piedi