“I 50 sentieri più belli della Toscana” firmati Stefano Ardito

Da oggi la nuova guida I 50 sentieri più belli della Toscana di Stefano Ardito: la straordinaria bellezza della Toscana borgo dopo borgo, collina dopo collina, vetta dopo vetta.

Il paesaggio delle colline toscane è famoso in tutto il mondo. Lo compongono filari di cipressi, scuri boschi di querce, campi coltivati, casali. Sullo sfondo, quasi ovunque, c’è un borgo o una piccola città di aspetto medievale, arroccata su un’altura. In primo piano si distendono gli uliveti e i vigneti i cui prodotti – insieme all’arte, alla letteratura e alla storia – hanno reso celebre questa meravigliosa regione nel mondo.
La Toscana, però, non è soltanto colline. E fuori dalla conca di Firenze, dal Chianti, dalla Lucchesìa e da una parte delle colline di Siena, camminatori e viaggiatori incontrano dei paesaggi completamente diversi.
Le distese umide dei “paduli”, paradiso dei cacciatori del passato e dei viaggiatori di oggi. Gli arenili della Maremma e della Versilia, e le scogliere del Giglio, dell’Argentario e dell’Elba. Le rive dell’Arno e degli altri fiumi toscani. I calanchi scavati nell’argilla e le forre incise nel calcare. I paesaggi spogli e severi delle Crete Senesi, descritti da scrittori toscani o arrivati da lontano.
La Toscana è anche una regione di montagne. La dorsale dell’Appennino, che si allunga per centinaia di chilometri dalla Liguria fino all’Umbria, segna il confine con l’Emilia-Romagna e con le Marche. Aspre e rocciose a nord-ovest, dove qualche vetta supera i 2000 metri di quota, le montagne diventano più basse e più arrotondate verso sud-est, dove sono rivestite dalle fitte foreste del Casentino.
Tra l’Appennino e il Tirreno si alzano le aspre e rocciose Alpi Apuane, rinomate per il loro marmo (le cui cave hanno dato un duro colpo al paesaggio) e che culminano nelle vette del Pisanino, del Pizzo d’Uccello, della Tambura e delle Panie. Più a sud il Monte Amiata, rivestito da altre estese foreste, è il più alto vulcano spento d’Italia. Completano il quadro i tanti massicci minori, ognuno con il suo carattere, dal Monte Morello al Montalbano, e dai Monti Pisani al Pratomagno.

Una regione tutta da scoprire, o da riscoprire, con la nuova guida I 50 sentieri più belli della Toscana

guida-50-sentieri-più-belli-della-toscana