Monte Gorzano e Monte Pelone meridionale | Lazio a piedi

monte gorzano

L’itinerario sulla vetta più alta del Lazio: il Monte Gorzano descritto da Giuseppe Albrizio nella guida Lazio a piedi.

Di solito, chiedendo a qualche escursionista (naturalmente non a quelli esperti) qual è la montagna più alta del Lazio viene spontaneo di rispondere il Terminillo, altri la Meta, non sapendo che il Gorzano divide due regioni: il Lazio con l’Abruzzo.
Si sale quindi sulla montagna più alta del Lazio (il Monte Gorzano è alto ben 2458 metri!) passando accanto allo Stazzo di Gorzano che, utilizzato da un pastore fino a qualche decina d’anni fa, ora è diventato un rudere.

Se si decide di compiere tutto il giro ad anello proposto si possono ammirare le cascate che scendono dalla Solagna, dal Fosso Pelone e dal Fosso della Pacina. In questo caso l’escursione diventa impegnativa e riservata a escursionisti esperti e allenati. Stupenda la vista dalla cima sul gruppo del Gran Sasso, in particolare sulla conca del Ghiacciaio del Calderone. Si notano bene le quattro vette che cercano di proteggere dal sole l’ultimo ghiaccio rimasto.

Scheda tecnica itinerario

Quote da 1381 a 2283 e a 2458 m
Dislivello 1100 m fino a Monte Gorzano; 1450 m l’intera escursione
Tempo 3 ore in salita, 2 ore in discesa per il Monte Gorzano; 7.30 ore per l’anello completo
Difficoltà E fino a Monte Gorzano; EE l’intera escursione
Segnaletica bianco-rossa 300, 365, 301, 337
Periodo consigliato da maggio a novembre
Cartografia Amatrice-Monti della Laga, CAI Amatrice
Con i bambini itinerario non adatto

La guida

L’itinerario che dal Sacro Cuore di Capricchia conduce ai Monte Gorzano e al Monte Pelone meridionale completo di foto, mappadescrizione dettagliata la trovi nella guida Lazio a piedi di G. Albrizio, A. Anfossi, F. Ardito, F. Belisario, R. Hallgass.

lazio a piedi