Da Campo Imperatore al Monte Brancastello

escursione brancastello

Oggi vi portiamo su uno degli itinerari più panoramici del Gran Sasso: il Monte Brancastello. L’itinerario è tratto dalla guida Sentieri nel Parco Nazionale Gran Sasso-Laga di Stefano Ardito.

Il sentiero sulla cresta del Monte Brancastello è uno dei più panoramici del Gran Sasso, e coincide con la parte iniziale del Sentiero del Centenario, che attraversa il settore orientale del massiccio fino al Monte Camicia e a Fonte Vetica. L’itinerario offre un magnifico colpo d’occhio sulla piramide del Corno Grande, su Campo Imperatore e sulle colline del Teramano. Data la posizione, si tratta di un percorso sconsigliato nelle giornate di forte vento, che sul Gran Sasso sono tutt’altro che rare.

Dislivello 590 m
Tempo di salita 2 ore
Tempo di discesa 1.30 ore
Difficoltà E
Segnaletica bianco-rossa 106 e 235, vecchi segnavia 6 e 6A
Periodo consigliato da giugno a ottobre

Accesso

Da Fonte Cerreto, Santo Stefano di Sessanio, Castel del Monte o Rigopiano si raggiunge e si segue la strada per l’Albergo di Campo Imperatore. Circa due chilometri prima di questo, e prima di una serie di tornanti (1800 m), si stacca sulla destra (nord) una strada sterrata in cattive condizioni, che inizia accanto a un’area da picnic e poi sale a mezza costa con una visibilissima rampa verso il Vado di Corno.

Itinerario

Si segue la sterrata (segnavia 106 e 6), che raggiunge la base del versante meridionale de Monte Aquila e poi sale a mezza costa al Vado di Corno (1924 m, E384619-N4701257, 0.30 ore), con il suo intaglio artificiale creato durante i lavori per il Traforo del Gran Sasso. Dall’altra parte si apre all’improvviso un magnifico panorama sul Corno Grande.

Dal valico, tralasciata la strada sterrata che scende sul versante teramano, si segue verso destra il sentiero (segnavia 235 e 6A) che si alza superando dei gradini artificiali, traversa a lungo a mezza costa per dei ripidi prati, e poi sale direttamente sugli ampi dossi che formano la cresta Ovest del Monte Brancastello. Per un tratto la cresta diventa più stretta. Il percorso è lungo, abbastanza monotono, panoramico ed evidente. Dal pianoro di Rigo Rosso, dove sono i resti di uno stazzo, una ripida salita ghiaiosa porta all’anticima (2230 m), dove si lascia a sinistra un sentiero che scende verso San Pietro e Isola del Gran Sasso. A saliscendi, scavalcando un altro cocuzzolo (2280 m), si prosegue fino a raggiungere la vetta del Monte Brancastello (2385 m, E388222-N4700535, 1.30 ore). In discesa occorrono 1.30 ore.

Foto: Matteo Mazzali

La guida

Questo è solo uno dei 120 itinerari della guida Sentieri nel Parco Nazionale Gran Sasso-Laga

sentieri-gran-sasso-laga