Cinque passi a Chelsea

Sin da quando, nel XVI secolo, Enrico VII e Tommaso Moro costruirono le loro residenze di campagna sul suo lungofiume, Chelsea ha avuto una secolare tradizione di eccentricità, aristocrazia e artigianato.
Questo quartiere chic è ideale per una passeggiata, che può iniziare dalla fermata Sloane Square della metropolitana (sia nella linea District che nella linea Circle, accessibili da Victoria e South Kensington).

Ecco per te cinque cose che proprio non dovresti lasciarti scappare se decidi di visitare Chelsea:

  • Una visita alla Saatchi Gallery: qui puoi ammirare la più grande collezione di arte contemporanea della capitale inglese, voluta dal magnate della pubblicità Charles Saatchi. Tantissimi gli eventi e le mostre da vedere.
  • Uno spuntino alla Patisserie Valerie. I croissant giganti sono la specialità della casa. Uomo avvisato…
  • Quattro passi fra i negozi della mitica King’s Road, la strada dove negli anni Sessanta presero forma le mode giovanili della Swingin’ London, ben presto seguite dalla rivoluzione punk nel decennio successivo.
  • La prima di uno spettacolo teatrale magari destinato a conquistare il mondo al Royal Court Theatre, storico teatro fondato nel 1888, sul cui palco debuttarono grandi opere di George Bernard Shaw e Harold Pinter
  • Chiudere la serata passeggiando sull’Albert Bridge, pittoresco ponte sospeso sul Tamigi che dal 1873 unisce Chelsea e Battersea. 4000 lampadine lo illuminano di notte. I londinesi lo chiamano Trembling Lady: indovina perchè…

Ma se vuoi scoprire cosa ti può offrire ancora Chelsea, il consiglio è di dare un’occhiata alla Guida Frommer’s Londra Day by Day di Joe Fulman. 15 Itinerari. 38 mappe. Un grande viaggio, come sempre con le guide Frommer’s.