La Balconata del Monte Bianco: un sogno ad occhi aperti

Balconata sul Monte Bianco

Un sogno che si avvera con un trekking di 5 tappe favolose: la Balconata del Monte Bianco.

Il trekking della Balconata del Monte Bianco è descritto nella nuova guida I TREKKING più belli della VALLE D’AOSTA di Annalisa Porporato e Franco Voglino.

Il protagonista della Balconata sul Monte Bianco è lui, il re, la montagna più alta d’Europa con i suoi 4810 metri… È vero, in realtà il più alto è il Monte Elbrus (5642 m), nel Caucaso, ma il Monte Bianco è qui, a due passi da casa, è “nostro”.

Questa balconata non ha un carattere alpinistico e la meta non è la cima, ma è un trekking tra i più belli, al cospetto del tetto d’Europa che dal versante italiano si presenta austero, impressionante, con granitici pinnacoli rocciosi elevati e colate glaciali a volte sospese sul nulla. Il trekking percorre due vallate: la Val Ferret e la Val Vény. Anche se a guardarle sulla mappa sembrano l’una la continuazione dell’altra, in realtà sono separate dalla conca dove sorge Courmayeur.

Una a destra, l’altra a sinistra, sembrano braccia che si allargano a cingere il Monte Bianco e questa è la sensazione che si ha durante il trekking: un grande, immenso abbraccio che dai verdi pascoli va verso le più alte cime e i più impressionanti ghiacciai.

Balconata sul Monte Bianco

Un trekking facile, senza difficoltà oggettive e accessibile a chiunque purché abituato a camminare. La Balconata del Monte Bianco ricalca in parte il più noto, ed impegnativo, Tour du Mont Blanc ma si tiene esclusivamente lungo il versante italiano.

Sarebbe possibile coprire l’intero percorso anche solo in due o tre giorni, ma poiché lo scopo non è la performance sportiva bensì il godere di un panorama unico al mondo, abbiamo previsto cinque tappe. Tra queste alcune sono più brevi proprio per lasciare tempo al riposo, ma soprattutto per avere la possibilità di approfondire la conoscenza di questo gigante delle Alpi.

I pernottamenti sono per lo più nei classici rifugi che possono “vantare miliardi di stelle”, posti in posizione panoramica e sotto il respiro del cielo così che il camminatore possa rigenerare il proprio spirito.

Scheda tecnica della Balconata sul Monte Bianco

Dislivello 2000 m
Sviluppo 47 km
Periodo consigliato da metà giugno a metà settembre
Cartografia: Carta n. 1 Monte Bianco, Courmayeur, 1:25.000, L’Escursionista Editore. Carta n. 107 Monte Bianco, Courmayeur, La Thuile, Chamonix Mont Blanc, 1:25.000, IGC

Le tappe della Balconata sul Monte Bianco

  1. Da Arnouva al Rifugio Bonatti (5,5 km; dislivello: +300)
  2. Dal Rifugio Bonatti al Rifugio Bertone (12,5 km; dislivello: +680 -720)
  3. Dal Rifugio Bertone a Courmayeur (4 km; dislivello: -750)
  4. Da Courmayeur al Rifugio Elisabetta Soldini (12 km; dislivello: +800 -600)
  5. Dal Rifugio Elisabetta a Courmayeur (13 km; dislivello: +150 -900)

La guida

Le 5 tappe della Balconata del Monte Bianco complete di descrizioni dettagliate, mappe, foto e tracce GPX le trovi nella guida I TREKKING più belli della VALLE D’AOSTA di Annalisa Porporato e Franco Voglino

guida trekking valle d'aosta