Il Rifugio Vallaccia in Val Monzoni | Valle di Fassa

Rifugio Vallaccia

Il Rifugio Vallaccia, ai piedi del Sasso delle Undici in Val Monzoni, è descritto nella guida “I 100 rifugi più belli delle Dolomiti” di Stefano Ardito.

Il Rifugio Vallaccia sorge tra i dossi carsici di Gardecia, nell’alta Valle dei Monzoni e ai piedi del Sasso delle Undici e della Punta Vallaccia. Questo rifugio di legno è una meta sempre più apprezzata dagli escursionisti che frequentano la Valle di Fassa, e offre una escursione molto più solitaria e tranquilla di quelle sui sentieri del Catinaccio e del Sella. Il panorama è limitato dalla posizione in una conca, dove si vedono spesso le marmotte. Si affacciano sul rifugio le creste dei Monzoni e la Punta Vallaccia.
I pendii erbosi del Sasso delle Undici non lasciano immaginare le pareti verticali del versante opposto, rivolto verso Moena e Soraga. In lontananza si vede la Marmolada.

L’accesso al rifugio, modificato nel 2019 con la chiusura alle auto della Valle San Nicolò, include un tratto ripido. Si può proseguire la camminata verso il Sasso delle Undici o la Punta della Vallaccia, e scendere da questa al bivacco Zeni e alla Vallaccia.

Lunga ma interessante la traversata a Moena per Forcella la Costela. Più impegnativa quella dei Monzoni lungo l’Alta Via Bruno Federspiel. Si può raggiungere dal rifugio la ferrata Gadotti al Sasso delle Dodici. Alle spalle del rifugio è una falesia attrezzata. D’inverno il rifugio è una buona meta per una escursione con le ciaspole.

Info utili del Rifugio Vallaccia

Quota 2275 metri
Posti letto 20
Proprietà e gestione Famiglia Bernard
Apertura estiva dal 17 giugno ai primi di ottobre
Apertura invernale nei weekend da metà gennaio a fine aprile
Telefono 349.8866866, 0462.764922
Mail info@rifugiovallaccia.it
Web www.rifugiovallaccia.it

Itinerario da Pozza di Fassa al rifugio Vallaccia

Dislivello 410 metri
Tempo 1 ,45 ore a/r
Difficoltà E

Da Pozza di Fassa si utilizzano le navette che risalgono la Valle San Nicolò fino alla Malga Crocifisso, e poi piegano a destra fino a Malga Monzoni (1862 metri). Si continua a piedi sulla stradina (segnavia 603) in leggera salita. Lasciato a sinistra il sentiero per il rifugio Taramelli si piega a destra (segnavia 624) superando un ripido strappo. Toccate delle baite si traversano dei prati, si supera uno strappo faticoso e si arriva a una seconda conca. Un sentiero sale al rifugio Vallaccia (2275 metri, 1 ora). La discesa richiede 0.45 ore.

La guida

Scopri gli altri rifugi pubblicati nella guida I 100 rifugi più belli delle Dolomiti 

guida rifugi delle dolomiti