17 itinerari sul Terminillo per uno scialpinismo divertente e di soddisfazione!

scialpinismo terminillo

Nella guida Scialpinismo in Appennino Centrale. La montagna incantata Luca Mazzoleni propone 17 itinerari che salgono al Monte Terminillo, al Monte Cambio, al Monte Porcini, al Monte Elefante, al Monte Brecciaro, al Monte Calvo e altre vette. L’autore ci descrive così la montagna laziale.

“La conosciutissima “Montagna di Roma” offre diverse possibilità per uno scialpinismo divertente e di soddisfazione. Vi si svolgono itinerari interessanti, facili o impegnativi, alcuni sorprendenti. Difficilmente consultando una cartina topografica si riesce a immaginare la reale bellezza del paesaggio che questa descrive: ciò è vero in particolar modo per il Terminillo e per i Monti Reatini. Nel momento in cui sono andato a verificare alcuni itinerari, costruiti a tavolino sulla carta, sono rimasto sorpreso per la bellezza di luoghi intatti e solitari, arricchiti da splendidi panorami. Gite in luoghi isolati e poco frequentati, che programmavo sulla carta con qualche dubbio sulla fattibilità, si sono rivelate al momento di percorrerle tanto sorprendenti quanto entusiasmanti. Le quote modeste portano a sottovalutare taluni di questi monti, ignorando così luoghi molto belli e itinerari degni di entrare a fare parte delle tante classiche dell’Appennino (uno tra questi il giro del Monte Elefante e del Monte Brecciaro dal rifugio Sebastiani). A un certo affollamento che si
riscontra sugli itinerari che salgono al Terminillo, si contrappone il senso di solitudine e scoperta delle cime cosiddette “minori” che a quello fanno da spalla. Al momento in inverno è difficile incontrare qualche sciatore sul Monte Brecciaro o sul versante settentrionale del Monte Cambio: è un vero peccato perché a queste vette salgono bellissimi itinerari, articolati e degni d’attenzione. Appena a est, oltre le gole di Antrodoco, è il sottogruppo del Monte Calvo, pietra di confine tra Lazio e Abruzzo. Questa modesta cima offre qualche escursione divertente e simpatica, pur se d’interesse locale. Monte Pozzoni e Monte Prato sono situati invece a nord/est del Terminillo, sul confine tra Lazio e Umbria e delimitano a nord la bella conca di Amatrice. Le gite a questi satelliti del Terminillo sono mete frequentabili anche con condizioni meteo incerte e consigliabili in pieno inverno, quando recenti e abbondanti nevicate rendono inavvicinabili massicci più elevati e itinerari di impegno maggiore. È da considerare che diversi sentieri riportati sulle carte non sono segnati sul terreno, dove in estate sono visibili tracce più o meno marcate ma sono assenti i bolli di vernice. Per contro sono molto ben descritti e arricchiti di interessanti note illustrative nel libretto allegato alla cartina del CAI.”

La guida

L’itinerario proposto è tratto dalla guida Scialpinismo in Appennino Centrale di Luca Mazzoleni.

scialpinismo-in-appennino-centrale-mazzoleni