Monte La Torricella e la Valle di Morretano | Abruzzo a piedi

Monte La Torricella

Una bella escursione autunnale attraversando la bella Valle di Morretano.  L’itinerario è descritto nella nuova guida Abruzzo a piedi di Giuseppe Albrizio.

Facile escursione adatta a tutti, che si svolge in gran parte nel Bosco di Cerasolo, una sterminata faggeta regno di lupi e orsi. Passeggiata bellissima anche d’autunno per godere dei colori del bosco che si tinge di giallo, rosso e marrone.

Dai prati d’altura stupenda è la visuale sui Monti della Duchessa (Murolungo, Uccettù, Cima Zis, Morrone) e sul Costone con la Vena Stellante, il Puzzillo con la valle omonima, il piccolo punto del Rifugio Vincenzo Sebastiani al Colletto di Pezza, la Cimata di Puzzillo e la Cimata di Pezza.

Prima di iniziare la discesa del ritorno si salirà su una cima di quota 2098 metri, ottimo punto panoramico, dove da poco tempo è stata posta una croce.

Scheda tecnica itinerario per Monte La Torricella

Quote da 1616 a 2098 m
Dislivello 600 m
Sviluppo 15 km
Tempo3 ore in salita, 1.40 ore in discesa
Difficoltà E
Segnaletica bianco-rossa 1, 5A, assente in alcuni tratti
Periodo da giugno a ottobre
Cartografia Monte Velino, Iter Edizioni
Con i bambini adatto ai ragazzi dagli 11 anni in su

Accesso

Dalla autostrada A24 Roma-L’Aquila, si esce al casello di Tornimparte-Campo Felice e si prosegue verso la stazione sciistica. Poco prima del Valico la Chiesola si parcheggia su uno slargo sulla destra (1616 m).

Itinerario di salita per il Monte La Torricella

Dall’ampio slargo (1616 m), poco prima del Valico la Chiesola, si imbocca la sterrata in discesa, priva di segnavia, lasciando a destra il Rifugio di Prato Capito e un fontanile, che sorgono sul Prato omonimo. La strada, in falsopiano, entra nella faggeta e giunge ad un incrocio (1596 m, 0.15 ore), dove si prende a sinistra (segnavia 5A) e si attraversa la Valle di Morretano. Percorse alcune centinaia di metri si arriva ad una biforcazione dove si ignora la sterrata a destra per la Fonte del Morretano, di solito asciutta.

Si prosegue invece lungo la sterrata principale in direzione sud-sud est rimanendo sempre sul fondo della valle. Attraversate alcune radure, si esce definitivamente dal bosco a quota 1800 metri circa. Un’ultima salita conduce sul Passo del Morretano (1983 m, 1.30 ore), che offre un ottimo sguardo sulla Valle del Puzzillo, sulla Cimata di Puzzillo e sulla Cimata di Pezza. Si prosegue a mezzacosta in direzione ovest seguendo un evidente sentiero che raggiunge la sella (2030 m, 0.15 ore) che separa la quota 2098 metri a sinistra (caratterizzata da una croce) dalla Torricella a destra.

Si prende a destra e, percorse poche decine di metri, si è ad una seconda biforcazione (2029 m) dove si lascia il sentiero di cresta per scendere a mezzacosta di qualche metro a sinistra raggiungendo la Fonte della Torricella (2005 m), un’antica fonte purtroppo malridotta.
Dalla fonte si sale in diagonale su traccia di sentiero, priva di segnavia, in direzione nord ovest e si raggiunge, senza difficoltà, la vetta de La Torricella (2071 m, 0.30 ore), da dove lo sguardo spazia su tutti i Monti della Duchessa.

Itinerario di discesa

Si torna indietro seguendo la traccia lungo il facile crinale in direzione sud est, non ci sono segnavia ma il percorso è evidente, fino ad una sella (2030 m, 0.20 ore). Prima di riprendere la via del ritorno, con una deviazione in direzione sud est si raggiunge la croce della cima quotata 2098 metri, che offre un ottimo panorama sul Monte Puzzillo, la Valle del Puzzillo e su gran parte della catena del Velino.

Tornati ancora una volta alla sella (2030 m, 0.30 ore a/r) e al Passo del Morretano (1983 m), sul percorso dell’andata si torna all’auto (1.40 ore).

Rifugi e punti di appoggio

Rifugio di Prato Capito (1604 m), di proprietà del Comune di Lucoli, sempre chiuso e incustodito, necessari materassino e sacco a pelo. Per le chiavi rivolgersi al Comune, tel. 0862.73160.

La guida

L’itinerario completo di descrizione dettagliata, foto, mappa e traccia GPX la trovi nella guida Abruzzo a piedi di Giuseppe Albrizio.

guida escursioni in abruzzo