La musica medievale e l’arte della memoria

di:

 35,00

ISBN 978-88-9548-201-9

Anno 2009

Pagine 336

Formato 15 x 23 cm

Biblioteca musicale – Saggi
Traduzione e cura di C. Vivarelli

Vincitore dei premi Wallace Berry Award (Society for Music Theory) e Ascap-Deems Taylor Award


Warning: sizeof(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.iteredizioni.it/home/wp-content/themes/flatsome-child/woocommerce/single-product/meta.php on line 25
Collana: Fogli Volanti,

Gli studiosi hanno creduto per lungo tempo che la musica medievale fosse tutta composta e trasmessa in forma scritta semplicemente perché dal XII secolo buona parte della produzione polifonica fu fissata sulla pergamena. La musica medievale e l’arte della memoria, invece, dimostra con chiarezza che, anche se un brano fu messo per iscritto, non necessariamente fu concepito e tramandato attraverso la scrittura. Il nuovo modello proposto dalla Busse Berger esalta infatti l’interazione fra scrittura e oralità nella composizione e nella trasmissione, approfondendo e arricchendo l’odierna concezione della musica medievale, e aprendo altresì la strada a nuove interpretazioni.

«È estremamente raro trovare insieme in uno studioso una così profonda maestria di stampo tradizionale e una così brillante immaginazione speculativa: la professoressa Busse Berger incarna questa rarità. La musica medievale ha una prosa che fluisce con irresistibile sicurezza e convinzione. Questo libro scuoterà la musicologia medievista dalle sue fondamenta consentendo la formazione di una concezione più ferma, più interessante e più realistica in sostituzione della precedente.» RICHARD TARUSKIN – autore di The Oxford History of Western Music

«Questo libro, complesso e stimolante, è estremamente ricco nella sua interdisciplinarietà. Anziché rimanere prigioniera della falsa dicotomia tra scritto e orale, la Berger – insieme a Mary Carruthers e ad altri – si pone in primo piano nell’esplorare interrogativi anche provocatori sulla memoria, sulla memorizzazione e le mnemotecniche. L’aggettivo migliore e più appropriato per descrivere La musica medievale e l’arte della memoria è ‘indimenticabile’.» JAN ZIOLKOWSKI – co-editor diThe Medieval Craft of Memory.

Recensioni


Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “La musica medievale e l’arte della memoria”