Skip to main content

Mese: Agosto 2015

La Grande Guerra. Cento anni dal primo conflitto mondiale

Nulla avvicina agli anni drammatici della Grande Guerra come una visita ai campi di battaglia.
Per ricordare e rivivere quegli anni Iter Edizioni ha deciso di pubblicare La Grande Guerra. Guida ai luoghi del 1915-18. La guida, scritta da Stefano Ardito, conduce il lettore per mano in un percorso tra sentieri storici, forti, sacrari, memoriali e musei. Un volume ricco di foto e di informazioni pratiche che mostra e descrive cosa vale la pena vedere dal Passo dello Stelvio al Castello di Miramare, e dai ghiacciai dell’Adamello fino alle pietraie del Carso. Un grande viaggio nella storia recente dell’Italia.

Era il 24 maggio di cento anni fa quando l’Italia entrò ufficialmente nella Prima Guerra Mondiale. La Grande Guerra fu un conflitto che coinvolse ben 28 paesi e che causò oltre venti milioni di vittime. In Italia il conto ufficiale dei morti è di 651.000 militari e di 589.000 civili.

Lagazuoi-reticolati-austriaci

Vaste regioni del vecchio continente sono state devastate dalle cannonate, dai gas, e dalla costruzione di strade, depositi e trincee per le truppe. E il ritorno alla pace, sancita l’11 novembre 1918, porta nuovi problemi: l’Italia, che ottiene Trento, Bolzano e Trieste ma non la Dalmazia, protesta per la vittoria tradita e reprime gli altoatesini di lingua tedesca, in Germania, le durissime condizioni imposte, causano una tremenda crisi economica e poi il Nazismo, che farà precipitare l’Europa nel secondo conflitto mondiale.

Oggi il ricordo della Grande Guerra resta fondamentale per l’Europa. Libri di storia, documentati, film, convegni svolgono un ruolo importante per raccontare alle generazioni di oggi il passato.

Rifugi, malghe e bivacchi. Le mete preferite dagli escursionisti

Finalmente è arrivata la bella stagione e per gli amanti della montagna il rifugio è sempre più spesso la meta della propria escursione.

Che appartengano al CAI o ad un privato, che sorgano tra le valli delle Dolomiti o nei paesaggi rocciosi delle Alpi Giulie, i rifugi attraggono, rassicurano e accolgono.
I gestori, che spesso sono guide alpine, rappresentano le migliori fonti di informazioni sui sentieri, vie ferrate e di arrampicata. Per questo abbiamo deciso di dedicare ai rifugi le nostre ultime novità: I 100 rifugi più belli delle Dolomiti, I 50 rifugi più belli del Friuli Venezia Giulia e I Rifugi delle Dolomiti. Trentino e Alto Adige, tutte scritte da Stefano Ardito.

All’interno delle due guide sono descritte le strutture scelte per la storia, per la vicinanza a luoghi famosi e per l’accoglienza dei gestori, e vengono presentate dall’autore con foto e informazioni utili.
Oltre a descrivere la struttura, viene indicato il sentiero di accesso, o un itinerario che inizia dal rifugio.
Dalle Dolomiti di Brenta al Matajur, rifugi, malghe e bivacchi vi faranno scoprire la bellezza di questi luoghi e trasformeranno le vostre uscite in ricordi preziosi, da conservare con cura.

Buone escursioni con le Guide Iter!